di Terrie
Avete mai finito di leggere la Bibbia e sospirato per la delusione, perché non c’era altro? Le parole di Dio sono così importanti, così meravigliose, che vorreste averne di più da leggere. Avete mai cercato nella Bibbia una risposta attuale ad un problema che semplicemente non si trovava in quel libro, e vi siete chiesti che cosa avrebbe fatto Dio al vostro posto?

Quando studiamo la Bibbia, vediamo che le esigenze del popolo di Dio cambiavano spesso. Noè ebbe bisogno di costruire un’arca, ma Mosè no. Lui aveva bisogno di condurre le persone nel deserto senza pericoli. Ogni profeta aveva da fronteggiare specifiche sfide, a seconda delle condizioni politiche e sociali e dei comportamenti specifici delle persone in quel momento. Nuove sfide dovevano affrontarsi e c’erano nuove tentazioni, e nuovi modi di pensare. Nel Nuovo Testamento, quando Gesù morì, i suoi apostoli lottarono per impedire alla gente di adattare credenze false o leggermente inesatte basate sulle loro culture, sulla filosofia greca che stava infiltrandosi nella chiesa, o semplicemente su una cattiva interpretazione degli insegnamenti. A volte i nuovi cristiani ponevano semplicemente domande a cui non era stato risposto, così tiravano a indovinare, e spesso sbagliavano. Gli apostoli lottarono per impedire a queste cose di insorgere, ma spesso senza successo. Per esempio, in 1 Corinzi 15, Paolo si trova a rimproverare i membri perché credevano che non ci sarebbe stata nessuna resurrezione dei morti. Rimproverò anche i Galati perché erano caduti in falsi insegnamenti (Vedi Galati 1). Parlò energicamente anche ai Colossesi perché cominciavano a credere allo gnosticismo, una falsa credenza che stava contaminando il cristianesimo primitivo.

Dopo che gli apostoli furono spariti, nessun altro ebbe l’autorità di ricevere rivelazioni da Dio. Oggi la maggior parte dei cristiani accetta che la profezia sia finita alla morte di Cristo, o dopo la morte degli apostoli. I mormoni (un nomignolo informale usato per descrivere i membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni) ritengono che gli apostoli siano stati chiamati come profeti, aventi diritto di cercare la verità da Dio e di annunciarla ufficialmente. Atti 15:32 dice: “E Giuda e Sila, essendo profeti anch’essi, esortavano i fratelli con molte parole, e li confermavano “. Giuda e Sila, naturalmente, erano apostoli, e ciò dimostra che gli apostoli sono anche profeti.

Durante i lunghi anni in cui non c’erano profeti, i tempi cambiarono radicalmente. Argomenti che prima non erano problematici, o non ancora emersi, divennero delle sfide per i cristiani di tutto il mondo. Tuttavia la chiesa primitiva lottava, uomini e donne coraggiosi si davano da fare per mantenerla vivo e in crescita. Tuttavia, spesso lottavano anche per sapere ciò che era vero. Anche se studiavano la Bibbia, spesso erano in disaccordo su dottrine essenziali. Quando succedeva questo, spesso si venivano a creare nuove religioni.

Durante la Riforma, uomini coraggiosi si fecero avanti, proclamando orgogliosamente che il cristianesimo non esisteva più in forma pura che corrispondesse a quello che insegnato da Gesù Cristo. Credevano che la corruzione e le false dottrine si fossero insinuate nella chiesa, nel corso degli anni. Molti morirono per il loro coraggio. Questi capi fecero quel che potevano per correggere quella che consideravano la dottrina sbagliata, ma persino all’interno del movimento protestante, non c’era sempre accordo su cosa non andava; oggi ci sono molte diverse sette protestanti, e tutte loro insegnano dottrine contrastanti, anche su soggetti che sono eternamente critici.
Molte persone oggi, ansiose di trovare la verità, guardano queste chiese e le loro dottrine contrastanti, e poi si volgono alla Bibbia. Si noti che in Amos 3:7, ci viene promesso: “Certamente il Signore Dio non fa nulla, senza rivelare il suo segreto ai suoi servi, i profeti.” Si chiedono se questo significa che Dio sta facendo qualcosa di importante oggi, e ancora, gli ultimi giorni sono qui e la seconda venuta si avvicina. Sicuramente Dio sta facendo cose importanti per preparare quel tempo. Come possono sapere quali sono queste cose, e qual è la propria responsabilità in questi ultimi giorni?
Le persone di pensiero oggi anelano ad un profeta. Chiedono, “Dio parla oggi? Lui ci ama  abbastanza da guidarci attraverso la complessità di un mondo che è completamente diverso da quello in cui fu scritta la Bibbia? C’è un modo per sapere cosa è vero in un agglomerato sempre crescente di idee in competizione fra loro? “.

I mormoni dicono di sì, Dio parla oggi. Egli ci ama abbastanza per aiutarci ad attraversare questi ultimi giorni sapendo esattamente ciò che è vero. I mormoni non credono che quando Gesù è morto, Dio si sia ritirato e ora si rifiuti di parlare con noi, o che Egli non sia interessato ad aiutarci a trovare la verità. I mormoni non credono che Dio non voglia che noi lo preghiamo  per scoprire cosa è vero.
Nel 1830 un ragazzo di quattordici anni, Joseph Smith, aveva molte delle domande che angosciano le persone oggi. In considerazione delle contraddizioni insegnate dalle varie chiese protestanti nella sua zona, si chiedeva come si poteva sapere a quale chiesa doveva unirsi. Durante la lettura della Bibbia, si imbatté in Giacomo 1:5:
Se qualcuno di voi manca di sapienza, la chieda a Dio che dona a tutti generosamente e senza rinfacciare, e gli sarà dato.

Decise che questa era la soluzione più ovvia al suo problema. Dio era davvero l’unica fonte sicura di verità, qualcun altro avrebbe potuto sbagliare. Andò nel bosco per pregare e ricevette la sua prima visione, una visita da Dio e Gesù Cristo. Gesù gli disse di non unirsi a nessuna delle chiese attualmente esistenti. La mancanza di profezia aveva permesso che troppi errori contaminassero la dottrina.
Una volta adulto, Dio mandò un angelo di nome Moroni a formarlo per il suo futuro ruolo come il primo profeta dei tempi moderni. Nei tempi biblici, Dio spesso prendeva dei profeti dalla terra, e altri li inviava sulla terra, e così aveva fatto in questo caso.

Oggi, il nostro mondo complesso presenta molte sfide a coloro che vogliono obbedire alla parola di Dio. Dottrine essenziali sulla famiglia, la strada verso la salvezza, il battesimo e qualche altra dottrina vengono dibattute con fervore e talvolta anche definite come poco importanti o soggette a mode attuali. Da quando Joseph Smith assunse il suo posto come primo profeta della restaurazione, c’è sempre stato un profeta come capo della Chiesa. Il profeta di oggi è Thomas S. Monson.

Dio parla oggi? Lo fa. Attraverso i profeti e gli apostoli, Egli ci aiuta a comprendere le scelte a nostra disposizione e le conseguenze di ogni scelta. Quando sorgono nuove situazioni, Dio può aiutarci a sapere come affrontarle. Invece di dover pregare individualmente su ogni dottrina –il che sarebbe una perdita di tempo e  un complicato processo, e che implica essenzialmente il crearvi la vostra religione-potete pregare per sapere se il presidente Monson è davvero un profeta. Dio ve lo dirà. Ha promesso di farlo. Poi, avendo questa certezza da Dio, sapete che potete fidarvi di lui. Tuttavia, se in qualsiasi momento dovesse dire qualcosa di cui non siete certi, potreste pregare per sapere le cose da voi stessi.

I mormoni credono nella rivelazione personale. Essi credono che Dio parli a tutta la Chiesa per mezzo dei profeti, ma anche che Dio ci parla individualmente, se Gli chiediamo di farlo. Non possiamo sentire delle vere parole, ma il nostro cuore ci assicura che la risposta sia veramente da Dio. Anche se ci sono alcuni che ammoniscono le persone a  non pregare per conoscere la verità, la Bibbia ci dice che dovremmo e che Dio risponderà- i mormoni credono alla promessa di Giacomo 1:5. Satana non può riempire i nostri cuori di pace e di gioia, quindi è molto facile dire chi sta rispondendo alle vostre preghiere.

Copyright © 2019 Thomas S. Monson. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.