Riflessioni sulla Conferenza
Wm J. Monahan

Mia moglie ed io siamo stati entusiasti di partecipare a tutte le sessioni della Conferenza semestrale 181 Generale. La televisione è fantastica, ma limitata nella sua capacità di catturare la gioia e il privilegio di essere lì.
Ci sono stati momenti divertenti, come quando il presidente Monson è arrivato in ritardo per aprire la Conferenza, poi ci ha salutato con un caldo sorriso e un grande “ciao”. Ci sono stati momenti di tenerezza, come dopo, quando ha parlato l’anziano Robert D. Hales, il presidente Monson ha preso atto del fatto che la sua salute era migliorata, e  si è riferito con affetto all’anziano Hales chiamandolo  “Bob”.
Ci sono stati momenti emozionanti invisibili in televisione a casa, come l’ombra di ogni oratore riflessa sul pannello di fronte al pulpito. Quando l’anziano Neil A. Anderson alzava le braccia per enfatizzare un punto sulla fede in Gesù Cristo, l’ ombra del suo braccio allargava il movimento come se volesse anche lei,portare  una forte testimonianza. Non capisco la scienza dietro l’ottica, ma solo come un’ombra rispecchia le caratteristiche che riflette, così lo Spirito Santo rispecchia e amplifica il messaggio del Salvatore e  i messaggeri.
Ecco le mie riflessioni su alcuni di questi messaggi potenti:
1. Gesù Cristo
Senza dubbio, questa conferenza è stata l’affermazione della nostra fede e il desiderio di seguire Gesù Cristo come nostro Salvatore e Redentore, nel bene e nel male.
Il presidente Thomas S. Monson ci ha ricordato due volte di “stare in luoghi santi” avendo “il coraggio morale di stare fermi sulle nostre convinzioni, anche se così facendo dobbiamo essere da soli..” Ha detto che mentre le tempeste, a volte batteranno alla nostra porta, siamo in grado di affrontarle e superarli “se abbiamo il Vangelo dentro di noi e l’amore del Salvatore nei nostri cuori.”
Dallin H. Oaks ha chiesto: “Cosa pensate di Gesù?” E cosa stiamo facendo in proposito? Ha detto che Gesù è il nostro grande modello che “ci ha invitato più volte a seguirlo.” Non dobbiamo usare un “visto per visitare Babilonia o agire come uno dei suoi cittadini.”

2. Le Scritture
L’anziano Richard G. Scott ha portato una forte testimonianza delle Scritture, paragonandole a “pacchetti di luce che illuminano le nostre menti.” Egli ha suggerito che meditare queste pure verità dà grande senso alla vita.

Elder Tad R. Callister dei Settanta ci ha ricordato delle tante testimonianze di Gesù Cristo contenute nel Libro di Mormon. Ha detto che “questo libro” è la “parola rivelata di Dio”, perché Satana non sarebbe l’ autore di una testimonianza contro se stesso. Quando i farisei accusavano Gesù di scacciare i demoni con il potere del principe dei demoni, Gesù rispose: “E se Satana scaccia Satana, egli è diviso contro se stesso, come potrà sussistere il suo regno?” (Matteo 24:26)
Presidente Henry B. Eyring ha detto che “il Libro di Mormon può portare un individuo più vicino a Dio di qualsiasi altro libro».

3. Prove
L’anziano Robert D. Hales ha portato una tenera testimonianza che attraverso il sacrificio espiatorio del Salvatore possiamo sopportare la nostra tribolazione e sofferenza: “Aspettare nel Signore” significa “sperare, anticipare, avere fiducia”, come il Salvatore aveva fiducia che Dio dicesse: “La tua volontà sia fatta “.
Il  Presidente Dieter F. Uchtdorf ha parlato dell’amore del Salvatore e come affrontare le nostre prove, quando disse: “Gli individui non sentiranno dolore, solitudine, pena o scoraggiamento per sempre” poiché Dio non abbandonerà “coloro che inclinano il cuore a Lui”. L’ Anziano Quentin L. Cook ha parlato di tre Santi degli Ultimi Giorni che si salvarono dal Titanic, e uno che non si salvò. Ci ha ricordato che l’espiazione del Salvatore compensa l’ingiustizia della vita.

 

4. Preghiera
Elder J. Devin Cornish dei Settanta era un povero studente affamato, con solo un centesimo a suo nome quando pregò e trovò un quarto di dollaro per comprare un pezzo di pollo fritto in vendita a 29 centesimi.
Il presidente Monson  ha condiviso una storia della sua giovinezza: la sua sudata banconota da cinque dollari fu accidentalmente smarrita nel bucato, durante i tempi difficili della Grande Depressione. Attraverso la preghiera fervente, il biglietto da cinque dollari si conservò. Il presidente Monson ha espresso gratitudine per il fatto che Dio ascolta le preghiere, anche per piccole cose, ed è consapevole dei suoi figli.
Conclusione
Siamo stati testimoni di molti altri discorsi che toccano lo spirito: discorsi che vanno dai padri che possono fare di più per le loro figlie amando le loro mogli, al mormorio  udibile di meraviglia mentre venivano annunciati nuovi templi da Provo, a Wyoming, a Parigi, Francia.
Per me e mia moglie e tutti quelli che hanno sentito la conferenza, la domanda è: cosa faremo della dottrina che abbiamo ascoltato e dello spirito che abbiamo sentito?
In definitiva, le parole dei profeti non trattavano di banconote recuperate, o quarti di dollaro trovati, ma di imparare, fare, e diventare più simili a Gesù, il nostro esemplare, nostro Salvatore e nostro Redentore

 

Copyright © 2019 Thomas S. Monson. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.