<img class="alignleft size-medium wp-image-29" style="float: left; border: 0px initial initial;"I punti principali, dell’intervento del presidente Thomas S. Monson, sono stati:

– In grande misura, il nostro atteggiamento può farci forti o deboli.
– Per mantenere la nostra integrità dobbiamo, a volte, nuotare contro corrente.
– Potremmo non essere in grado di servire tutti e ovunque, ma si può servire qualcuno, da qualche parte.

“Che Dio vi benedica, nel vostro cammino, e che possiate attraversare con successo le voragini ‘larghe e profonde’ della vostra vita: questa è la mia preghiera per voi.” Presidente Thomas S. Monson

Un Venerdì di quest’anno, Thomas S. Monson, presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, ha affrontato circa 1.600 laureandi, durante il centenario di un’università degli Stati Uniti, per parlare con loro dell’attraversamento dei ponti della vita.

Egli ha parlato di tre ponti: l’atteggiamento, l’integrità e il servizio, che aiutano a superare gli “abissi larghi e profondi”.

Il presidente Monson ha detto che il primo ponte della vita, è l’atteggiamento: esso può fare la differenza, nella nostra vita, può renderci felici o infelici, soddisfatti o insoddisfatti, forti o deboli.

Ha suggerito agli studenti che cercano di cambiare i loro atteggiamenti, di applicare il principio del “come se”. “Se volete una virtù, agite come se già l’aveste. Se volete essere coraggiosi, comportatevi come se aveste coraggio. Se volete essere felici, agite come se foste felici”, ha consigliato.

Il secondo ponte è l’integrità. “Forse la più sicura prova di integrità di un individuo è il suo rifiuto di fare o dire qualcosa per danneggiare il suo rispetto di sé”, ha detto il presidente Monson. “La pietra angolare del proprio sistema di valori dovrebbe essere la domanda, ‘Cosa penso di me stesso se faccio questo?'”.

Il presidente Monson ha esortato i laureandi a scegliere la felicità, ma ha anche detto che la felicità significa poco, se non sanno come affrontare se stessi e se non mantengono la loro integrità.

Nel parlare del terzo ponte della vita, il servizio, il presidente Monson ha condiviso una citazione spesso attribuita a Ralph Waldo Emerson: “Anche una sola esistenza è stata più lieta per il fatto che tu sei esistito. Ecco, questo è avere sucesso”.

Ci sono opportunità di servire, che sono aperte a tutti, ha detto presidente Monson, come fare amicizia con le persone sole, guidare i giovani e incoraggiare il talento.

“I benefici non possono essere dati, staccando un assegno dal vostro libretto degli assegni”, ha detto. “Il servizio è diretto e umano.”

“E sia che si trovi nel sole del mattino o del crepuscolo, il ponte del servizio, sotto i vostri piedi, sarà stabile e sicuro” ha detto. “Miei giovani amici, questi ponti sono costruiti per voi”.

Nell’ambito della cerimonia, il presidente Monson ha anche ricevuto una laurea honoris causa in scienze umanistiche.

Il presidente Monson è stata a lungo parte della comunità educativa, in Utah, come membro del rettorato della Utah State, come facente parte dell’Associazione Ufficiale degli Alunni della University of Utah ed ora come fiduciario della Brigham Young University e del consiglio della Pubblica istruzione della chiesa.

Copyright © 2018 Thomas S. Monson. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.