<img class="alignleft size-medium wp-image-29" style="float: left; border: 0px initial initial;"Quando Gesù Cristo ha iniziato la sua missione sulla terra, ha scelto degli apostoli per aiutarlo. Questi apostoli hanno continuato a portare avanti la chiesa, dopo la sua crocifissione e resurrezione. Servivano, come diligenti missionari, andando per il mondo ad insegnare il Vangelo. Gesù Cristo stesso aveva lavorato per insegnare il Vangelo a tutti coloro che incontrava, lungo il suo cammino. A volte, la gente sceglieva di avvicinarsi a Lui, ma altre volte Egli si avvicinò a loro. Lui e gli apostoli sapevano che avevano un messaggio che avrebbe cambiato la loro vita, se fossero stati ascoltati, e così hanno avuto il coraggio di avvicinare le persone e condividere quel messaggio.Quando amiamo le persone, vogliamo che loro abbiano tutto il necessario per essere felici, e per i cristiani questo include il Vangelo. In effetti, i cristiani sanno che Gesù Cristo è l’aspetto più importante della vera gioia. Il lavoro missionario è un atto d’amore.
I mormoni insegnano il Vangelo di Gesù Cristo, attraverso il lavoro missionario.

Per questo motivo, i mormoni hanno un vasto programma missionario. Essi seguono il consiglio del Salvatore e condividono il Suo messaggio con il mondo.

19 “Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo:
20 insegnando loro ad osservare tutte le cose che vi ho comandato: ed, ecco, io sarò con voi tutti i giorni, sino alla fine del mondo. Amen. “

Thomas Monson, il profeta mormone, ama parlare del lavoro missionario. Anche se non ha svolto una missione, da giovane uomo, perché ha prestato servizio in Marina, ha lavorato come presidente di missione quando aveva solo 31 anni, un’età insolitamente giovane. Lui, sua moglie, e i loro figli, vivevano a Toronto, in Canada, da diversi anni, per supervisionare il lavoro missionario, in quel paese. Da quel momento, il presidente Monson ha girato la maggior parte delle missioni della chiesa e ha riempito ogni posizione, all’interno del Dipartimento Missionario, e, di conseguenza, ha più conoscenza del lavoro missionario attraverso il suo servizio di chiesa, di quasi qualsiasi altro dirigente della chiesa passata o presente.

Poiché il lavoro missionario è un amore particolare di Thomas S. Monson, egli ne parla spesso.

Ci sono diversi modi in cui un mormone può essere un missionario, per il Signore. Un giovane può, come parte del suo servizio sacerdotale (i mormoni hanno un sacerdozio laico, di tutte le età, formato dai maschi degni sopra i 12 anni), passare due anni lontano da casa, come missionario. Egli parte, a proprie spese, e, in questo periodo, vive secondo alcune regole severe. Si tratta di un momento per sviluppare l’autodisciplina e una forte testimonianza, ma, soprattutto, è un momento per insegnare agli altri qualcosa su Gesù Cristo. Un giovane che si avvicina alla sua missione con l’atteggiamento giusto, tornerà a casa con un grande amore per la cultura in cui ha prestato servizio, forse con la conoscenza di una nuova lingua, la padronanza di sé per avere successo in qualsiasi cosa egli cerchi e una potente testimonianza di Gesù Cristo e le benedizioni che derivano dal servire il Signore.

Anche le donne possono svolgere una missione lontano da casa, partendo a 21 anni, per diciotto mesi. Anche se non hanno lo stesso dovere di andare, perché non hanno il sacerdozio, molte giovani donne scelgono di farlo e spesso raggiungono quelle persone che gli uomini non possono raggiungere.

Le coppie più anziane spesso svolgono una missione insieme, dopo la pensione, e lo stesso fanno i single pensionati. Viaggiano a proprie spese, ovunque essi siano inviati.

Alcune persone scelgono di servire part-time da casa. Questi missionari sono chiamati “missionari di rione” e qualsiasi adulto può svolgere una missione del genere, se ne è degno ed è chiamato a farlo.

Infine, la Chiesa incoraggia tutti i membri ad essere missionari. Senza una specifica chiamata, ogni mormone può condividere il Vangelo attraverso le sue azioni e le parole, con le persone della sua vita.

“Pietro e Giovanni, i pescatori che diventarono Apostoli, furono avvertiti dalle autorità di non predicare di Gesù Cristo e della Sua crocifissione. La loro risposta fu ferma: “Se è giusto agli occhi di Dio, dare ascolto a voi più che a Dio, giudicatelo voi stessi. Perchè noi non possiamo tacere le cose che abbiamo visto e ascoltato »(At 4:19-20).

Paolo, l’Apostolo, che testimoniò della verità, parlava a tutti noi, membri e missionari, allo stesso modo, quando consigliò al suo amico diletto Timoteo: «Sii d’esempio ai credenti, nel parlare, nel comportamento, nella carità, nellaspirito, nella fede, nella purezza “(1 Tim. 4:12).

L’anziano Delbert L. Stapley, che ha servito in qualità di membro del Consiglio dei Dodici, un certo numero di anni fa, citò Paolo nella sua epistola ai Romani: “Io non mi vergogno del vangelo di Cristo: perché è il potere della salvezza diDio”(Rm 1,16). Poi, l’anziano Stapley ha aggiunto: “Se noi non ci vergogniamo del Vangelo di Cristo, allora non dovremmo vergognarci di viverlo. E se noi non ci vergogniamo di viverlo, allora non dovremmo vergognarci di esserne parte”(Thomas S. Monson,”Perché tutti ascoltino”, New Era, maggio 1996, 4).

Thomas Monson incoraggia tutti i giovani uomini e quelle donne giovani, o persone anziane, che vogliono andare a svolgere una missione. Egli insegna che sarà un’esperienza che cambierà le loro vite. Quale modo migliore per imparare a conoscere e amare il Salvatore, che passare due anni della vostra vita al Suo servizio, per insegnare qualcosa su di Lui? Come risultato, egli incoraggia i giovani a prepararsi seriamente per la missione. Avendo una testimonianza e vivendo con gli standard di un missionario, una persona giovane può ottenere il massimo, dalla sua missione.

I missionari sono chiamati ad insegnare il Vangelo di Gesù Cristo. Thomas Monson ha detto quanto segue, sul messaggio che i missionari portano:

Che cosa è il Vangelo? E’ il messaggio che portiamo, un messaggio che dichiara che un angelo è volato in mezzo al cielo e che il Vangelo di Gesù Cristo è stato restaurato. Se ci ricordiamo questo e gli altri elementi dei messaggi dei missionari, saremo efficaci. In quel messaggio, c’è il Libro di Mormon, che è parte integrante di ogni missionario, della propria biblioteca interna, ciò che sa, ed esterna, ciò che insegna.

Il Libro di Mormon, la vera natura della Divinità, il messaggio di cui il mondo è affamato. Fa parte di quello che i missionari porteranno al popolo.

Un altro elemento che ho trovato molto importante è che la Chiesa si basa sul fondamento degli apostoli e dei profeti, essendo Cristo Gesù stesso la pietra angolare (cfr. Efesini 2:20). E noi sottolineamo di avere un profeta “vivente”, oggi. Attesto che il presidente Hinckley è un profeta vivente, profeta, veggente e rivelatore della Chiesa.

Se potessi mettere il dito in quella parte del Vangelo, che sembra penetrare una gamma più ampia di persone e penetrare più a fondo nei loro cuori e nelle loro anime e portarli all’azione, quello è il piano di salvezza, o il piano del nostro Padre celeste – da dove siamo venuti, perché siamo qui, dove andiamo quando lasciamo la mortalità.

Ho osservato che l’ostacolo, per coloro che vogliono scoprire il vangelo, non è la Parola di Saggezza. Non è l’osservanza del giorno del sabato. E’ la testimonianza che Joseph Smith fosse un profeta di Dio. E’ molto importante che noi portiamo quel messaggio. Il messaggio divino. Ricordatelo. (Thomas S. Monson, “Le Cinque M del lavoro missionario», New Era, marzo 2007, 42-45).

Copyright © 2019 Thomas S. Monson. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.